I francesi interessati alla Trabonella

posted in: PROGETTI ED EVENTI | 0
FacebooktwittermailFacebooktwittermail

ItaliaNostra torna a chiedere l’istituzione di un Museo come strumento di recupero

Un gruppo di ricercatori francesi dell’Università di Montpellier visiteranno Lunedi la Riserva Naturale Orientata di Monte Capodarso e Valle dell’Imera Meridionale. gestita da ItaliaNostra. Il team francese è composto da dottori Stephane Dominiguez, Jaques Malavieille, Maxime Henriquet, Cristian Romano e Matthieu Ferry.

Saranno accompagnati dal direttore della Riserva dott. Carmelo G. Bartolotta e dal prof. Giovanni Barreca, ricercatore in Scienze Geologiche presso il Dipartimento di Scienze Biologiche e geologiche e Ambientali – Sezione di Scienze della Terra – dell’Università degli Studi di Catania.

Il gruppo di studiosi visiterà l’area della miniera di Trabonella, recentemente bonificata dal comune di Caltanissetta, che si trova nella zona B della riserva naturale. << Le visite guidate con finalità scientifiche di ricercatori di università italiane e straniere – afferma il direttore della Riserva, Bartolotta – alle nostre testimonianze di archeologia industriale, in particolare a quelle collocate all’interno di aree protette di grande pregio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale, dimostrano ancora una volta la validità della conservazione e valorizzazione, del nostro patrimonio geo-minerario per finalità sociali, culturali e turistici. ItaliaNostra, assieme a molte associazioni locali e regionali, da anni sostiene l’istituzione del museo delle miniere Trabonella e Giumentaro come strumento di tutela, recupero e promozione di un patrimonio minerario unico, di rilevante valore storico, di interesse sovra nazionale che potrà creare anche opportunità di lavoro per i giovani >>.

Durante l’esecuzione dei lavori di bonifica della miniera Trabonella, per un importo di quasi 660mila euro, è stata rilevata la necessità di una variante tecnica per eliminare i rifiuti inquinanti. Con il completamento degli interventi si può finalmente mettere in atto il progetto – del quale si parla ormai da quasi tre lustri – di sfruttamento del sito a scopo turistico.